Parte da Vinchiaturo, Venerdì 28 luglio, il ciclo di eventi che punta a valorizzare i centri storici.

Cinque formazioni jazz con artisti di livello internazionale illumineranno le notti estive di cinque caratteristici borghi molisani per un ciclo di eventi itinerante.  
Borgo in Jazz Festival è una manifestazione che associa la valorizzazione dei centri storici alla promozione della musica jazz, all’arte contemporanea e all’enogastronomia regionale di qualità proponendo in cinque comuni della provincia di Campobasso: Cercemaggiore, Trivento, Pietracupa, Vinchiaturo, concerti, masterclass, degustazioni e visite guidate ai principali siti storici e culturali.
Un circuito innovativo che punta alla riqualificazione culturale ed alla vivibilità dei centri storici in linea con le direttive del MIBACT che ha decretato il 2017 come “anno dei borghi”.

“Il progetto “Borgo in Jazz” si pone l’obiettivo di favorire la promozione turistica dei borghi del Molise attraverso iniziative collegate di carattere culturale che, favorendo la collaborazione tra i partners, possano contribuire a vivacizzare l’economia dei piccoli comuni interessati”, dichiara Nicola Concettini, direttore artistico della manifestazione, a nome di tutti i soggetti coinvolti.
Si parte il 28 luglio dal centro storico di Vinchiaturo con Laura Taglialatela Quartet; poi sarà la volta di Trivento che ospiterà in Piazza Cattedrale il trio hammond del sassofonista molisano, nonché direttore artistico della manifestazione, Nicola Concettini, con il super ospite Fabrizio Bosso. Il 12 agosto, all’ombra della morgia di Pietracupa, toccherà alla Pocket Orchestra di Bari e ancora il 18 agosto a Gambatesa, nella splendida cornice del piazzale antistante al Castello di Capua, i Pinturas Quartet con Roberto Ottaviano al sax soprano; per concludere, il 25 agosto nel caratteristico borgo di Cercemaggiore, il sax di Gianluca Esposito in quartetto.

Tutti i concerti saranno accompagnati da esposizioni artistiche (su tutte le mostra Ferrocarta dell’artista Antonio Finelli al Castello di Gambatesa e la mostra fotografica “Scrigni della Memoria” a Vinchiaturo), visite guidate e degustazioni con prodotti a km 0 o comunque frutto di uno scambio di eccellenze gastronomiche tra i diversi comuni coinvolti.
Amplissimo e variegato il partenariato della manifestazione che vede operativi i cinque Comuni coinvolti, Il Comitato Regionale Molise dell’Unione Nazionale Pro loco d’Italia e appunto le pro loco di Cercemaggiore, Vinchiaturo e Trivento, l’Ass. Culturale “Borgo in Jazz”, l’AIS Molise, il Liceo Artistico Manzù di Campobasso e l’artista riccese Antonio Finelli.




0 commenti:

Posta un commento

 
Top